Come affrontare un colloquio?

Torna a News

Come affrontare un colloquio?

“Dove ti vedi tra 5 anni? Quali sono i tuoi difetti? Come affronti i conflitti? Descriviti in 3 parole?”

 

Domande simili, vengono utilizzate dal reclutatore per discernere le tue qualità, il tuo modo di pensare e il modo in cui ti poni con le altre persone da come vorresti apparire. Ma quali sono le qualità che un Recruitment ricerca?

  • Orientamento al risultato: il candidato deve essere in grado di perseguire costantemente gli obbiettivi collettivi dell’
  • Problem Solving: una capacità richiesta dalle aziende è quella di riuscire ad affrontare e risolvere situazioni imprevedibili, grazie all’analisi delle cause e alla capacita di individuazione della stessa.
  • Ricerca della Qualità: ricercare sempre il massimo livello di attenzione e raggiungere la miglior qualità del prodotto o servizio rispettando gli standard aziendali.
  • Team work: l’aspirante deve avere un’ottima capacità di far parte di un gruppo di lavoro e riuscire a creare, con i colleghi, un ambiente di lavoro sano.
  • Mente aperta: avere una mente aperta permette di affrontare e ricercare nuove sfide sempre più complesse e adattarsi a cambiamenti inaspettati.
  • Relazioni efficaci: avere comunicazione efficace con il proprio interlocutore, adeguandosi a chi si ha di fronte per avere uno scambio di informazioni efficaci e dirette al punto.

Queste, però, sono solo alcune delle qualità che aumentano il valore umano dell’azienda. Come il detto vuole, “anche l’occhio vuole la sua parte”, perciò non bastano solo le qualità per avere una bella presenza al colloquio. A questo riguardo, molti responsabili delle risorse umane consigliano di vestirsi in modo formale, così da dimostrare al recruitment quanto si è disposti a fare per aggiudicarsi il lavoro in azienda.

Infine quando vi troverete faccia a faccia con l’esaminatore, MANTENETE LA CALMA, perché l’essere umano è un libro aperto. Anche quando non si sta fermi stiamo comunque trasmettendo delle informazioni all’interlocutore. Perciò l’ultimo consiglio che mi sento di darvi è di avere una mente calma perché così anche il corpo resterà calmo.

Redato da: Sergio D’Allegra, Valeriani Damiano, Sorgetti Cristian, Di Prinzio Stefano

Condividi questo post

Torna a News

Accedendo al sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi